It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Google+ Youtube

Sindacati su avaria Acc Roma: nota congiunta

Filt-Cgil, Fit Cisl Reti, Uiltrasporti, Ugl Ta ed Unica

Riceviamo una nota congiunta firmata da cinque sindacati (Filt-Cgil, Fit Cisl Reti, Uiltrasporti, Ugl Ta ed Unica) e pubblichiamo, riservando la medesima opportunità ad eventuali repliche:

"'Siete la nostra unica salvezza'. Pare sia stata la frase proferita da un Cta di Roma Acc al collega di Brindisi Acc durante l’avaria del sistema principale che nella giornata del 1° luglio 2018 ha afflitto il centro capitolino. Da verificare. Sbobinare al più presto, siamo curiosi

La frase, a dir poco emblematica, stride con l’intenzione dell’azienda di spostare i servizi di controllo d’area da Brindisi a Roma, come evidenziato nel Piano Industriale pubblicato lo scorso 12 marzo, che mira a ridurre il numero dei centri di controllo per mere ragioni economiche (abbiamo capito bene?) e con esse le lampanti ancore di salvezza che un sistema articolato come il nostro oggi ancora consente. In sostanza, meno soluzioni di backup in caso di necessità.

I fatti del 1° luglio 2018, semmai servissero ancora conferme, certificano le quanto meno dubbie qualità tecniche del sistema operativo, strabordante di innovazioni tecnologiche e sovraccarico di patch, correzioni e release mai definitive che si rincorrono a ritmo incessante.

Ogni giorno i controllori del centro di controllo d’area di Brindisi, assieme a tutti i colleghi italiani, si trovano ad affrontare e segnalare le innumerevoli problematiche che il sistema operativo presenta: le carenze del sistema Fdp sono evidenti; l’inaffidabilità del sistema Oldi una astronomica certezza; le sempre più imprevedibili e mirabolanti procedure di settorizzazione una new entry di cui non se ne avvertiva necessità; le continue avarie telefoniche di questi mesi con gli enti limitrofi quali Belgrado, Tirana ed Atene si sommano alle ristrettezze telefoniche con Zagabria (oggetto di ripetute vertenze e accordi aziendali disattesi). Tutto questo in un prevedibile, atteso ed auspicato scenario che vede il centro di Brindisi aumentare mese per mese la quantità di traffico aereo gestito. Da più di due anni gli incrementi sfiorano il 15% per arrivare a giugno 2018 dove si è gestito circa il 19% di traffico in più rispetto allo stesso mese del 2017.

Nota statistica: i mesi con più traffico aereo sono statisticamente luglio e agosto.

Ma davvero possiamo pensare di andare ancora avanti così? No, grazie. La misura è colma, il personale è al limite della sopportazione.

Questa situazione inconcepibile probabilmente è riconducibile a un solo motivo: la recente privatizzazione di Enav del luglio 2016.

Mentre continuiamo a chiedere 'misure di mitigazione', le decisioni del nostro management vanno in direzione opposta: riduzione del personale nel tempo, chiusura delle torri di controllo, accorpamento degli avvicinamenti nei centri di controllo, accorpamento infine dei centri di controllo, con il solo scopo di aumentare gli utili!

Utili che per metà poi finiscono nelle tasche di privati, che perseguono fini palesemente in contrasto con i compiti di istituto di una azienda che fornisce un servizio essenziale e strategico.

Per questa ragione si chiede l’intervento immediato del Mit per ripristinare un adeguato environment nel sistema di controllo del traffico aereo, che consenta ai controllori di svolgere il loro lavoro con strumenti adeguati alla complessità sempre crescente con cui ci si deve interfacciare.

E la prima cosa che ci viene in mente è chiedere che Enav ritorni ad essere un ente pubblico economico senza scopo di lucro, esattamente quello che in questi giorni è al centro del dibattito negli Stati Uniti dove il Presidente Trump, nonostante il suo passato da imprenditore, ha capito che la Faa (l’equivalente della nostra Enav) non può, allo stesso tempo, essere il volano dell’economia ed un ente con scopo di lucro".

Sull'argomento vedi anche la notizia collegata e pubblicata da AVIONEWS. 

red - 1212551

© World Aeronautical Press Agency Srl