It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Google+ Youtube

AMI rinnova propria devozione alla Beata Vergine di Loreto

Una statua donata al sacrario di Kindu a Pisa

Una tradizione che affonda le sue radici nel 1920, anno in cui la Madonna di Loreto fu proclamata “patrona degli aeronauti” e che, anche quest’anno, vedrà l’Aeronautica militare rinnovare la propria devozione alla Beata Vergine Lauretana in occasione delle celebrazioni che si terranno a Loreto (Ancona) il 9 ed il 10 dicembre.

Il comandante dell’Accademia aeronautica di Pozzuoli (Napoli) generale di Brigata Aerea Enrico Degni, insieme al colonnello Davide Salerno ed al colonnello Luca Massimi, rispettivamente comandante e vicecomandante del Centro di formazione Aviation English di Loreto (Ancona), parteciperanno la sera del 9 dicembre alla veglia di preghiera presieduta SE monsignor Rino Fisichella, presidente pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione e concelebrata da SE monsignor Fabio Dal Cin arcivescovo prelato di Loreto e delegato pontificio per la Santa Casa.

Al termine della Santa Messa, che vedrà la presenza anche degli allievi del Corso “Vulcano V” dell’Accademia aeronautica, seguirà la tradizionale processione con la sacra effige della Beata Vergine Maria di Loreto, portata a spalla dal personale dell’Aeronautica militare.

La mattina del 10 dicembre le commemorazioni continueranno presso il Santuario della Santa Casa di Loreto con la solenne celebrazione eucaristica presieduta da SE monsignor Rino Fisichella.

Le cerimonie lauretane richiamano la cosiddetta “Festa della Venuta” durante la quale si ricorda il trasporto a Loreto della “Santa Casa”. Secondo la tradizione, si tratta della dimora di Maria a Nazareth, in Galilea, dove ricevette l'annuncio angelico e che, nel 1294, nella notte tra il 9 ed il 10 dicembre, fu trasportata in territorio marchigiano. La versione popolare secondo cui il trasporto avvenne “per mano di angeli” fu il motivo per cui la Madonna di Loreto, fin dalle prime imprese aeree italiane, cominciò ad essere venerata quale protettrice degli aviatori; finché il 24 marzo 1920 la Beata Vergine Lauretana venne ufficialmente proclamata “patrona degli Aeronauti” da papa Benedetto XV. L'Aeronautica militare, fondata quale Forza Armata il 28 marzo 1923, cominciò dunque a venerare la Madonna di Loreto in tutte le sue basi celebrando la ricorrenza del 10 dicembre.

La partecipazione alle celebrazioni si inserisce nel quadro delle consolidate relazioni esistenti tra l’AMI e le istituzioni ecclesiastiche, che proprio a Loreto si sono spesso trasformate in concrete iniziative di solidarietà. L’attuale CenForAvEn dell’Aeronautica militare, è ubicato infatti all’interno delle strutture inizialmente sede dello storico Istituto "Francesco Baracca" che, dal 1930 per oltre 50 anni, svolse a Loreto attività meritorie a favore degli orfani di aeronauti caduti in servizio e che si trovavano in cattive condizioni finanziarie, attraverso l’Opera nazionale figli degli aviatori.

Giovedì 6 dicembre una delegazione della 46esima Brigata Aerea di Pisa si è recata presso la Santa Casa di Loreto (Ancona) per la benedizione di una statua della Madonna di Loreto donata al Reparto trasporti toscano.

La delegazione guidata dal generale di Brigata Aerea Girolamo Iadicicco, comandante della 46esima Brigata, ed accompagnata dal colonnello Davide Salerno, comandante del Centro di formazione Aviation English di Loreto (Ancona), è stata ricevuta da SE monsignor Fabio Dal Cin arcivescovo prelato di Loreto e delegat pontificio per la Santa Casa.

La statua della Beata Vergine, di circa un metro di altezza, sarà collocata all’interno del Sacrario di Kindu, all’ingresso principale della Brigata, che fu realizzato nel marzo del 1963 e dedicato ai 13 aviatori trucidati nell’ex-Congo belga durante lo svolgimento di una missione di Pace dell’Onu l'11 novembre 1961 (AVIONEWS).

La 46esima Brigata Aerea è un Reparto dipendente dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando forze di supporto e speciali che svolge, con i suoi aerei da trasporto C-130J e C-27J un’ampia gamma di missioni nell’ambito del trasporto aereo, sia di carattere esclusivamente militare –con la partecipazione in tutti i teatri operativi che vedono la presenza delle Forze Armate italiane- sia in concorso con agenzie civili dello Stato (il cosiddetto Dual Use), come nel caso di soccorsi umanitari, evacuazioni di popolazioni in difficoltà ed interventi in caso di calamità naturali.

Il CenForAvEn dipende dal Comando Scuole /3^ Regione Aerea di Bari e provvede alla formazione nel settore dell’Aviation English del:

- personale aeronavigante dell’Aeronautica militare, di altre Forze Armate e dicasteri e del personale non navigante (controllori di volo) per la successiva certificazione Enac (Ente nazionale aviazione civile) ai fini del rilascio della “licenza di pilota commerciale standard Easa" e della “licenza comunitaria dei controllori del traffico aereo”;

- personale appartenente a precise specialità che, in accordo a normative europee di settore, impongono un adeguato livello di conoscenza tecnico-linguistica per il conseguimento della “licenza di manutentore aeronautico”.

Photo gallery Benedizione della statua della Madonna di Loreto
red - 1216802

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl