It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Aeroporto Venezia: critiche per il disboscamento

Chiesto a Save ed Enac di intervenire con opere di compensazione

Una lettera, corredata da un video che mostra le aree boschive intorno all'aeroporto di Venezia-Tessera che saranno abbattute, è stata inviata ieri alla Direzione generale per le valutazioni e le autorizzazione ambientali del ministero dell'Ambiente, per chiedere che vengano obbligate Save -la società di gestione- ed Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile) a programmare la riforestazione della zona, dove dovrebbero essere piantati alberi alti per poter intercettare tutti i gas e le particelle inquinanti degli aerei. Una richiesta che arriva dall'associazione dei cittadini di Tessera e Campalto e firmata dal presidente Cesare Rossi, il quale ha spiegato come nell'attuale perimetro aeroportuale "siano stati desertificati 13 ettari di massa fogliare sempreverde sui 15 ettari esistenti nel 2015, senza che siano state messe in atto opere di compensazione".

Il problema è che il fitto bosco intorno al "Marco Polo" fungeva da protezione per l'abitato di Tessera, assorbendo le polveri sottili ed ultrasottili prodotte dagli aerei e dai veicoli leggeri e pesanti che transitano nelle strade adiacenti all'aeroporto. Secondo il comitato a prendersi cura di ciò dovrebbe essere "Enac e Save che riuscirebbero anche ad abbellire l'infrastruttura con del verde"

M/A - 1221077

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl