It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Enac: dg Quaranta partecipa ai lavori Eurocontrol

La 51esima riunione si è svolta oggi a Bruxelles

Si è svolta oggi, 13 giugno 2019, a Bruxelles la 51esima riunione del Provisional Council (Pc) di Eurocontrol, l’organizzazione intergovernativa che gestisce la navigazione aerea sui cieli del continente europeo. Il Provisional Council è l’organo responsabile dell’attuazione della politica generale e dell’implementazione e supervisione degli atti adottati dall’organizzazione.

Per l’Italia hanno partecipato il direttore generale dell’Enac, Alessio Quaranta, che in Eurocontrol è anche membro dell’ufficio di presidenza, ed il vicedirettore generale Enac, Alessandro Cardi, oltre che una delegazione composta da rappresentanti dello Stato Maggiore dell’Aeronautica militare e dell’Enav.

Nella sua relazione introduttiva, il direttore generale Eamonn Brennan ha fatto una panoramica sui temi principali del settore partendo dal rallentamento della crescita mondiale secondo i dati del Fondo monetario internazionale. Ha evidenziato l’incremento dei costi del sistema dovuto principalmente al maggior costo del carburante e la riduzione della redditività delle compagnie aeree europee, anche a fronte dell’incremento del traffico aereo sui cieli europei. Il ritardo dei voli, invece, è diminuito dell’8%.

Sempre più rilevante, invece, è l’impegno comune di tutto il settore per ridurre le emissioni di CO2, anche attraverso lo sviluppo della propulsione elettrica e dei carburanti alternativi nell’ambito dell’aviazione.

Brennan ha anche lodato il sistema italiano della navigazione aerea: a livello europeo l’Italia occupa il sesto posto per numero di voli gestiti.

Il direttore di Eurocontrol, infine, ha concluso evidenziando la frammentazione eccessiva degli spazi aerei in Europa e la necessità di investire nelle infrastrutture aeroportuali per ridurre la congestione legata all'incremento del traffico previsto per i prossimi anni.

In considerazione a quanto messo in rilievo da Brennan, il direttore generale dell’Enac Alessio Quaranta ha espresso soddisfazione per il riconoscimento della buona funzionalità del sistema Italia e per i dati relativi alla riduzione dei ritardi, anche se rimane la preoccupazione per l'estate e per il fisiologico aumento di traffico. A tale proposito Quaranta ha ribadito, per quanto di competenza dell’Ente, il massimo impegno ad operare per evitare criticità del sistema.

I lavori sono quindi proseguiti con la trattazione di diversi temi, tra i quali:

le attività svolte dai vari organi e gruppi di governance di Eurocontrol: PerformanceReview Commission (Prc), Military Air Traffic Management Board (Mab), Civil and Military Interface Standing Committee (Cmic) nonché le proposte relative alla tassazione interna delle retribuzioni e una nuova politica del personale nell'ottica della riduzione dei costi a carico degli Stati;

il Business Plan dell’agenzia 2020-2024, il bilancio 2020 e le relazioni del Comitato Finanze (Standing Committee on Finance - Scf) e del Comitato che si occupa delle problematiche inerenti alla fornitura di servizi di navigazione aerea (Air Navigation Service Board - Ansb);

le raccomandazioni del gruppo dei saggi (Wise Persons Group) sul futuro del programma “Cielo unico europeo”, istituito dalla Direzione generale mobilità e trasporti della Commissione europea, elaborate con l’obiettivo di consentire una maggiore capacità di gestione del traffico aereo in Europa, in modo flessibile ed a costi ragionevoli, realizzando un sistema Atm più resiliente, e soprattutto, continuando a garantire la sicurezza e la sostenibilità ambientale;

la ratifica delle modifiche al trattato di Maastricht, in merito al centro di controllo dello spazio aereo superiore di Maastricht ed i previsti servizi di traffico aereo nell'Europa centrale.

Eurocontrol è un’organizzazione intergovernativa fondata nel 1960 di cui l’Italia fa parte dal 1996. Sono 41 i Paesi membri, oltre la rappresentanza dell’Unione europea. Eurocontrol, il cui scopo principale è di sviluppare e mantenere un efficiente sistema di controllo del traffico aereo a livello europeo, ha un ruolo-chiave anche nella gestione di situazioni di crisi che coinvolgono l’aviazione civile e che richiedono coordinamento e decisioni uniformi per tutti gli aderenti.

red - 1222238

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl