It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Riapertura Linate (3). Il contributo di Enav

Come ha affrontato la chiusura e cosa ha fatto durante questi tre mesi

Il presidente di Enav (Società nazionale assistenza al volo) Nicola Maione ha dichiarato: "sono particolarmente soddisfatto del successo dell’operazione che dimostra la grande capacità operativa di Enav sia dal punto di vista tecnologico che dei propri controllori. Lo spostamento dei voli da Linate a Malpensa, il terzo ed il secondo aeroporto d’Italia per numero di movimenti, non ha creato nessun disagio ai passeggeri e siamo riusciti anche a limitare gli impatti sull’inquinamento acustico dei comuni limitrofi lo scalo di Malpensa. Desidero rivolgere un ringraziamento a tutti gli attori coinvolti da Enac a Sea ed al Comune di Milano che hanno reso possibile questa difficile operazione".

Come Enav ha affrontato la chiusura di Linate

Per Enav la chiusura di Linate ha comportato la fusione in un solo aeroporto, del secondo e del terzo scalo nazionale, in termini di movimenti aerei.

Enav ha, quindi, gestito dalla torre di controllo di Malpensa tutti i movimenti previsti su Linate durante i mesi di maggior intensità di traffico aereo di tutto l’anno. A parte qualche volo privato che ha fatto scalo su Orio al Serio, tutti gli aeromobili previsti su Linate sono atterrati e decollati a Malpensa.

Durante il bridge a Malpensa il traffico gestito è aumentato del 50% con punte di 1032 movimenti giornalieri.

Il traffico aereo è stato garantito con il massimo della sicurezza e della qualità del servizio, grazie ad una mirata pianificazione sulle procedure Pbn (Performance Based Navigation) che hanno consentito di gestire il traffico in maniera più efficace ed ordinata e che hanno richiesto un totale di 8500 ore di formazione sul personale operativo coinvolto sia in nella torre di Malpensa sia presso il Centro di controllo radar di Milano che gestisce le fasi precedenti all’atterraggio e successive al decollo.

Tutto ciò ha consentito ad Enav di gestire la concentrazione dei movimenti che si sono riversati su Malpensa con il massimo della sicurezza, dell’efficienza ed anche con il minor impatto possibile sull’inquinamento acustico.

Cosa ha fatto Enav su Linate durante la chiusura

Durante i tre mesi di chiusura dello scalo di Linate, Enav ha realizzato una serie di interventi strutturali, tecnici e tecnologici sulla torre di controllo. In particolare:

È stato aggiornato il radar di Terra (Smr) per i movimenti in condizioni di bassa visibilità;

Sono stati effettuati dei lavori di ristrutturazione interna;

È stato predisposto il sistema per l’utilizzo delle streep elettroniche, cosi come già avvenuto per Malpensa;

Sono state rinnovate alcune strumentazioni quali: le consolle, i banconi, le sedie, i computer, il sistema mutifono.

Il prezioso coordinamento tra gli Enti coinvolti

Un contributo fondamentale da parte di Enav, dovuto al suo particolare e strategico ruolo operativo, è stato quello pianificare ed organizzare il lavoro cercando di coordinare al meglio le esigenze dei diversi attori coinvolti (Enac, compagnie aeree, Comuni, Sea, sindaci) in una situazione piuttosto complessa.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

red - 1225354

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Related
Similar