Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Aerei, elicotteri e navi militari: Mil€x analizza la spesa militare italiana

Stando a quanto presentato oggi nel 2018 le risorse impiegate raggiungeranno 25 miliardi di Euro

Aumenta di circa il 4% la spesa militare italiana, arrivando nel 2018 a 25 miliardi di Euro (1,4% del Pil): a rilevarlo è il Rapporto Mil€x 2018 -presentato oggi alla Sala stampa della Camera- secondo cui le risorse economiche sono aumentate del 25,8% nelle ultime tre legislature.

Per quanto riguarda il budget del ministero della Difesa il rapporto rileva un incremento del 3,4% rispetto al 2017 e del 18% nelle ultime tre legislature, attestandosi a 21 miliardi di Euro (1,2% del Pil); 3,5 miliardi di Euro (+5% rispetto al 2017) sono i contributi del ministero dello Sviluppo economico (Mise) per l’acquisizione di nuovi armamenti ‘made in Italy’, una cifra che secondo l'osservatorio è pari al 71,5% del budget totale del Mise 2018 per la competitività e lo sviluppo delle imprese italiane. Mil€x prende poi in considerazione altri costi tra cui le missioni militari all'estero sostenute dal ministero dell'Economia e delle finanze (1,3 miliardi di Euro).

Secondo il rapporto il 60% della spesa militare nel 2018 sarà per il personale, il 13% per l’esercizio ed il 28% per gli investimenti in armamenti ed infrastrutture. I programmi di riarmo più ingenti sono le nuove navi da guerra della Marina tra cui la portaerei "Thaon di Revel", i nuovi carri armati e gli elicotteri per l'esercito, ed i nuovi aerei Typhoon ed F-35 per l'Aeronautica.

cic - 1209896
World Aeronautical Press Agency
Stampa questa notizia