Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Dgac: formazione al pilotaggio remoto di aerei droni professionali

Le linee-guida della Direzione generale dell'Aviazione civile francese

Secondo quanto diramato in un comunicato stampa, la Direzione generale dell'Aviazione civile francese si sta occupando di strutturare un piano di formazione al telepilotaggio   che sarà adottato a partire dal primo luglio 2018.

Il programma, studiato in continuità con la struttura del settore francese dei sistemi aerei a pilotaggio remoto professionali e nel quadro della legge del 2016 sul rafforzamento della sicurezza per l'utilizzo di droni civili, comprende formazione teorica, esercitazioni pratiche e un esame finale. L'esame teorico si ispira al percorso di formazione aeronautica e prevede moduli sulla regolamentazione dei droni, sulla conoscenza dei veicoli aerei e sulla preparazione e sul tracciamento del volo e delle procedure operative. Il superamento della prova d'esame consentirà il rilascio da parte di Dgac di un certificato di idoneità teorica al telepilotaggio. Il pilota potrà prepararsi alla prova autonomamente o presso un'organizzazione impiegata nella formazione per poi sostenere l'esame nella sede della Direzione generale dell'Aviazione civile del proprio territorio.

Per quanto riguarda la formazione pratica sul campo, i piloti dovranno acquisire le competenze fondamentali per saper allestire e programmare una missione di volo e manovrare Apr in vari contesti e scenari di utilizzo. Non sarà più concesso esercitarsi autonomamente al fine di garantire un maggior rigore e una formazione professionale. I piloti che avranno portato a termine le loro esercitazioni entro il primo luglio 2018 potranno continuare dopo questa data la loro attività di pilotaggio negli scenari nei quali stavano già operando e dovranno ottenere il riconoscimento delle proprie capacità, dimostrate da un certificato di attitudine pratica al pilotaggio remoto, entro il primo luglio 2019 dalla Direzione della sicurezza dell'Aviazione civile. 

Con questo nuovo programma di formazione la Francia tenta di conquistare un ruolo di primo piano in Europa nello sviluppo di un approccio poliedrico e condiviso sull'uso dei droni professionali, anche in vista della futura legislazione europea che richiederà ai piloti sempre nuove dimostrazioni di capacità professionali nel rispetto delle norme di sicurezza.



aa - 1212170

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl