Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Tensioni commerciali Usa-Cina un rischio anche per gli aerei di Airbus?

Entro il 2025 potrebbero essere posti dazi sull'importazione di velivoli non cinesi

La guerra commerciale in corso a colpi di dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbe creare difficoltà anche ad aziende di altri Paesi, come nel caso di Airbus poiché anche il produttore di aerei europeo sta subendo un diminuzione delle richieste a causa dell'incertezza tra i diversi attori. A parlare nel corso di una conferenza-stampa delle problematiche che stanno sorgendo da questa guerra commerciale è stato l'amministratore delegato di Airbus China Xu Gang, il quale ha sottolineato come "non ci sarà nessun vincitore di questo passo". Il rischio concreto è che il settore del trasporto aereo cinese subisca un pesante rallentamento, anche se al momento l'esportazione di velivoli non è stata interessata direttamente dai dazi incrociati tra Washington e Pechino. 

La paura delle aziende aerospaziali è che con l'ingresso nel mercato stimato nel 2023 del nuovo CR-929 e prossimamente del più piccolo C-919 -prodotti in Cina- il governo potrebbe decidere di applicare dazi doganali all'importazione di aerei dagli Stati Uniti, estendendolo anche all'Europa così da perseguire la volontà di Xi Jinping di rifornire almeno un decimo del mercato interno con velivoli di produzione nazionale entro il 2025. Un enorme rischio per Boeing e per Airbus che hanno e che vedono nella Cina il mercato principale dove vendere i propri aerei, specialmente in virtù del previsto aumento della richiesta dalle compagnie aeree locali.

M/A - 1215876

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl