Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Profumo: "Con Leonardo in crescita tutta l'industria italiana di settore"

L'auspicio dell'ad a Le Bourget: la convergenza dei programmi sul caccia europeo

Prima il premier Conte, poi il ministro della Difesa Trenta sono volati al salone dell'aeronautica di Parigi, per andare a sostenere di persona le imprese, grandi e piccole, di un comparto strategico fondamentale per il sistema Italia. Dall'aeroporto parigino l'amministratore delegato di Leonardo Alessandro Profumo ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti presenti.

Profumo ha illustrato il piano quinquennale del Gruppo, delineando un obiettivo di crescita dei ricavi intorno al 6%, e del margine operativo lordo tra l'8 e il 10%. Il che significherebbe "azzerare il debito" a fine piano. L'ad ha poi sottolineato lo slancio dato dall'indotto di Leonardo a molte Pmi italiane presenti in questi giorni a Le Bourget: "Avere un grande player che accompagna nella crescita e nella catena di fornitura, e' fondamentale per trasformare un pezzo dell'industria italiana".

Sul progetto dell'aereo cacciabombardiere europeo promosso da Francia e Germania, alle quali si è unita la Spagna, Profumo ha ricordato come Leonardo sia già coinvolto nel programma "Tempest", che "vediamo come evolutivo rispetto all'Eurofighter", e ribadito l'auspicio di una "convergenza, nel tempo, dei vari programmi europei, anche per ottimizzare gli investimenti e l'uso delle risorse dei cittadini comunitari", chiarendo però che questo ovviamente non dipende dalle aziende. "Sono questioni che implicano scelte industriali e geopolitiche, di rapporti fra Paesi", ha risposto il ministro Trenta interpellata sull'argomento. (vedi AVIONEWS).

DDB - 1222390

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl