Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Libia, raid aereo di Haftar: 60 morti

Colpito un centro per migranti accanto ad una base militare

Almeno 60 persone sono morte questa notte nel raid aereo che le forze del  generale Khalifa Haftar hanno lanciato su un centro di detenzione per migranti a Tagiura, nei dintorni di Tripoli. Altre 80 sono rimaste ferite. La notizia arriva da fonti di soccorso libiche. L'attacco è stato deciso dopo la perdita della cittadina di Gharian, di cui Haftar aveva fatto la sua base operativa e riconquistata dal governo di Tripoli la settimana scorsa.  Il centro si trova accanto alla base militare di Dhaman uno dei luoghi in cui le milizie di Misurata e quelle fedeli al governo del presidente Fayez al-Serraj hanno concentrato le loro riserve di munizioni e di veicoli per fermare l'assalto a Tripoli lanciato dal generale della Cirenaica dal 4 aprile scorso

"Apprendo, con sgomento, del bombardamento notturno a Tagiura, nei pressi di Tripoli, che ha colpito un centro per migranti, causando la morte di decine di persone, tra i quali donne e bambini. Un'ulteriore tragedia che mostra l'atroce impatto della guerra sulla popolazione civile", ha commentato il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Il ministro ha espresso "la netta condanna dei bombardamenti indiscriminati di aree civili e l'appello a fermare un aggravarsi delle ostilità che mette continuamente in gravissimo pericolo vite umane e distrugge infrastrutture essenziali per la popolazione. Occorre garantire immediatamente misure di seria protezione per i civili e, in particolare, trasferire i migranti che si trovano nelle strutture di raccolta in luoghi al sicuro dai combattimenti e sotto la tutela delle Nazioni Unite".

DDB - 1222748

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili