Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

La crisi climatica attuale come lo sbarco sulla Luna di ieri

Necessario lo stesso spirito cooperativo

La Nasa sbarcò sulla Luna il 20 luglio 1969, con strumenti tecnologici aventi potenza di calcolo inferiore rispetto ad uno smartphone odierno. Il successo dell'impresa arrivò al culmine della Guerra Fredda, ma nonostante il feroce senso di competizione tra Occidente e Oriente, l'Apollo 11 volò sulla Luna in nome di tutta l'umanità. Una lapide commemorativa lasciata sulla superficie della Luna recita: "Qui gli uomini del pianeta Terra hanno messo piede sulla Luna, nel luglio 1969 dC. Siamo venuti in pace per tutta l'umanità".

Il professor Oliver Gassmann dell'Università di San Gallo, a Rosenberg, in Svizzera, il 13 luglio ha auspicato che le sfide climatiche moderne possano essere affrontate con successo con lo stesso spirito cooperativo di 50 anni fa, e ha affermato che le nuove generazioni hanno il potere cambiare il mondo in meglio se le loro energie verranno indirizzate correttamente.

Gli organismi di controllo del clima hanno avvertito che la Terra sta attraversando una difficile crisi, esacerbata dalle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo.
Attualmente ci sono 195 firmatari dell'accordo di Parigi volto a ridurre le emissioni di gas serra e a rallentare il tasso di riscaldamento globale. La convenzione internazionale ha l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale oltre 1,5 gradi Celsius.

Per Gassmann "Si devono creare alleanze con i più grandi Paesi del mondo per affrontare questa sfida".


RC3 - 1223036

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl