Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Radiazioni nucleari in Russia: 16 volte il limite consentito

Occorre al più presto un nuovo trattato sul nucleare

L’8 agosto nella città russa di Severodvinsk è avvenuta una esplosione che ha causato la fuoriuscita di pericolose radiazioni nucleari e la morte di 7 persone (vedi AVIONEWS). Il 18 agosto si sono svolti i funerali a cui hanno partecipato migliaia di persone dei 5 ingegneri morti, ora sepolti a Sarov, città dove è situato il primo centro di ricerca russo sulle armi atomiche.

Secondo una dichiarazione del 19 agosto dell’agenzia di stampa russa "Tass" il livello di contaminazione è cresciuto di ben 16 volte: situazione diversa da quella paventata inizialmente dal ministro della difesa russo che aveva sminuito la minaccia delle radiazioni, affermando che i limiti erano rimasti “nella norma”.

Il presidente Usa Trump ha dichiarato su Twitter: "Stiamo acquisendo informazioni sull’esplosione del missile. Abbiamo una tecnologia simile, anche se più avanzata. Lo scoppio ha provocato preoccupazioni circa per la qualità dell'aria sia vicino che relativamente lontano all'impianto. Non è un bene”.

Un contesto che invita a riunirsi quanto prima al tavolo di una nuova trattativa sul nucleare, vista la fuoriuscita degli Usa dall'Inf (vedi AVIONEWS).

RC3 - 1223718

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili