Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

11 settembre (2): un tenente pilota racconta

Aveva l'ordine di fermare "con ogni mezzo possibile" l'aereo del volo 93

Il tenente Heather Penney detto "Lucky" fu uno dei militari incaricati di fermare "con ogni mezzo possibile" l'aereo del volo 93, uno dei quattro velivoli dirottati da al-Qaeda, in seguito ai precedenti attacchi alle Torri Gemelle ed al Pentagono. In una intervista rilasciata al "Sun" nel giorno della ricorrenza dell'11 settembre (vedi AVIONEWS), ha raccontato la sua storia.

 Penney ed il colonnello Marc Sasseville non avevano missili a bordo dei loro F-16 e sapevano che l'unico modo per fermare il jet di United Airlines sarebbe stato quello di "speronare" l'altro aeromobile con i propri aerei e decisero di danneggiare la coda del mezzo dirottato. Si trattava chiaramente di una missione "Kamikaze", ma entrambi i piloti erano pronti a morire se necessario. "Credevo che sarebbe stata l'ultima volta che sarei decollato", ha confidato Penney.

La missione suicida non è mai avvenuta perché i passeggeri del volo 93  Mark Bingham, Todd Beamer, Tom Burnett e Jeremy Glick presero in mano la situazione e come è noto hanno cercato di bloccare gli attentatori che, colti di sorpresa dalla reazione dei viaggiatori, fecero schiantare l'aereo vicino a Shanksville, in Pennsylvania.

Il tenente ha infine aggiunto: "I veri eroi sono quei passeggeri che sono stati disposti a sacrificarsi".

RC3 - 1224264

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl