Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Alitalia: si affaccia l'ipotesi dello "spezzatino"

In ogni caso migliaia di esuberi

Per Alitalia diverse sono state le ipotesi in seguito alla mancata presentazione dell'offerta vincolante: dalla liquidazione, al mini rinvio fino alla gestione con un supercommissario, ma ancora non è stato deciso quale sarà il destino della nostra ex-compagnia di bandiera. Dopo l'incontro di ieri tra i commissari Stefano Paleari, Enrico Laghi e Daniele Discepolo al Mise (ministero dello Sviluppo economico) con Stefano Patuanelli si affaccia l'ipotesi dello "spezzatino" (vedi AVIONEWS): potrebbe essere divisa in due l’attuale Alitalia: una per la parte volo ed il resto la sezione terra con oltre 3000 esuberi su circa 11.500 dipendenti. Ciò porterebbe ad un nuovo modello "rivoluzionato" che incontrerebbe le richieste di Lufthansa, disposta ad investire solo in cambio di profonde ristrutturazioni con un "taglio di teste" che coinvolgerebbe oltre 5000 persone (vedi AVIONEWS). Seppur il vettore aereo tedesco abbia promesso ai piloti "in surplus" di farli volare con Air Dolomiti o altre compagnie del suo gruppo. Per gli altri saranno studiati scivoli verso la pensione, oppure altre forme di solidarietà espansiva (nessun salvataggio per il resto dei dipendenti?). 

Il nuovo-prestito ponte di 400 milioni di Euro potrà essere erogato soltanto nel momento in cui verrà a formarsi una "Newco".

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha affermato ieri: "Con Patuanelli stiamo lavorando intensamente perché Alitalia parli italiano. Se dovrà interloquire con americani o tedeschi dipenderà da chi offrirà maggior sponda per rilanciare il piano industriale italiano. Su questo siamo abbastanza neutrali. Il dialogo è molto avviato con Delta. Stiamo cercando di finalizzare ma deve essere un piano industriale perché il salvataggio ti fa respirare ma non offre soluzione e prospettiva. Confido si possa arrivare subito al rilancio industriale con i partner, ma se sarà necessario non escludiamo una ristrutturazione".

Delta del resto è l'unica che ha dichiarato l'intenzione di investire nella compagnia con 100 milioni di Euro (il 10% della "Newco"), ma le condizioni economiche del vettore statunitense sul lungo raggio non hanno convinto gli altri protagonisti della cordata con il ritiro di Atlantia (già sovraccaricata dai nuovi documenti riguardanti il Ponte Morandi -vedi AVIONEWS- , la richiesta della riduzione delle tariffe autostradali del 5% all'anno come richiesto -vedi AVIONEWSed il fantasma della revoca delle concessioni).

Gli attuali commissari non lasceranno fino a completamento del mandato governativo, in barba alle ipotesi di eventuali dimissioni (vedi AVIONEWS).

RC3 - 1226095

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili