Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Usa, manovra Trump: si andrà sulla Luna, ma tagli ai fondi per ambiente e welfare

A pagarne le spese soprattutto poveri e malati

Il luogo comune che recita "sono andati sulla Luna, ma non sono riusciti ancora a trovare la cura per il cancro" si spoglia del suo significante retorico, di frase fatta, cliché, stereotipo, analizzando la manovra presentata da Donald Trump ieri. "A budget for America's Future" è la proposta da 4800 miliardi in vista dell'anno fiscale 2021 con tagli al welfare ed all'ambiente per incrementare i finanziamenti del muro al confine col Messico, della Nasa (vedi AVIONEWS), della difesa. Una proposta che difficilmente diventerà legge, considerato che la Camera è in mano ai democratici. Nasa avrà un aumento delle risorse del 12%: previsto il ritorno dell'uomo (stavolta sarà una donna - vedi AVIONEWS) sulla Luna nel 2024 ed è in corso la ricerca per la conquista di Marte (vedi AVIONEWS), ma a pagarne le conseguenze sarà soprattutto l'Epa, l'agenzia per la protezione ambientale, con un taglio dei finanziamenti del 26% (come se l'emergenza clima non fosse un problema imminente). Qualora la manovra andasse in porto, a pagarne le spese sarebbero soprattutto i poveri ed i malati: i tagli riguarderebbero soprattutto il welfare e l'assistenza sociale con un colpo di mannaia al Medicaid e Medicare, agli aiuti governativi come i "food stamps" ossia i buoni per la spesa per i meno abbienti ed al dipartimento per le abitazioni popolari.

"A budget for America's Future" diviene specchio della società capitalista ed imperialista statunitense, orientata verso il profitto e la corsa scellerata agli armamenti. L'incremento del 19% per i fondi per la National Nuclear Security Administration, l'agenzia del dipartimento dell'Energia responsabile del nucleare, in contrapposizione con un completo disinteresse per la conservazione ambientale, si configura come l'ennesimo schiaffo al buon senso. Anzi, semplicemente si presenta per il significato intrinseco del suo nome (nomen omen): un'america (scritto appositamente in minuscolo) del futuro che si avvicina al modello tritacarne di "The Jungle" denunciato nel 1906 dal giornalista Upton Sinclair.

RC3 - 1227701

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili