Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Coronavirus (11): le misure prese dagli altri Paesi

Stop ai collegamenti aerei e quarantena

Come stanno affrontando gli altri Paesi l'emergenza coronavirus? 

La Cina ha imposto l'isolamento totale di intere province e città con milioni di abitanti. 

L'Europa ha sospeso i collegamenti aerei dall'epicentro dell'epidemia, la città di Wuhan agli aeroporti di Roma-Fiumicino, Parigi e Londra. 

Divieto di ingresso degli Stati Uniti da chi proviene dalle zone a rischio, controlli serrati negli aeroporti. 

La Corea del Sud è il Paese con il più alto numero di casi al di fuori della Cina e le autorità locali hanno innalzato il livello di allarme sanitario al massimo grado, quello "rosso", che consente il blocco degli arrivi dai Paesi che possono essere considerati una minaccia, la sospensione dei trasporti e l'isolamento di intere città. Seul al momento non ha bloccato i voli con la Cina, ma impone ai viaggiatori provenienti da quel Paese di tenersi in costante contatto con le autorità sanitarie nei 14 giorni successivi all'ingresso, periodo di incubazione della malattia.

In Giappone alla popolazione è stato consigliato di rimanere a casa in presenza di sintomi influenzali ed alcuni eventi pubblici sono stati annullati. 

In Gran Bretagna prevista la quarantena di due settimane per chi è tornato dalla Cina, mentre la misura non è stata al momento adottata da altri Paesi europei come Francia, Germania e Spagna, che non hanno bloccato nemmeno i collegamenti aerei con la Cina, come invece ha fatto dall'Italia. 

RC3 - 1228034

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili