Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Demolito all'aeroporto di Bergamo un aereo Fokker F-27

Seas espande le proprie attività

AVIONEWS informa che Seas, società specializzata nella manutenzione di aerei, ha portato a termine sulla propria base all'interno dell'aeroporto di Bergamo-Orio al Serio la demolizione di un aereo Fokker 27 in disuso.

L'amministratore delegato Seas, Alessandro Cianciaruso, ha commentato la demolizione spiegando come si tratti di una nuova attività per l'azienda che finora si è occupata unicamente della manutenzione in particolare dell'intera flotta Ryanair proprio a Bergamo. 

Il Fokker 27/500F, in precedenza immatricolato I-MLHT, era appartenuto alla compagnia italiana per trasporto-merci Miniliner con base sull'aeroporto di Bergamo. Il velivolo non era più in possesso della certificazione di aeronavigabilità. Miniliner aveva interrotto –ricorda AVIONEWS- le operazioni di volo nel gennaio 2015, su disposizione Enac (Ente nazionale aviazione civile), a causa di problemi economico-finanziari della compagnia. 

I tecnici Seas, una volta ottenuta l'autorizzazione da Enac, hanno provveduto a rimuovere la componentistica del velivolo che è stata tutta catalogata, successivamente si è proceduto alla separazione dei materiali per consentirne lo smaltimento differenziato. Infine la fusoliera è stata tagliata per l'avvio al riciclaggio in fonderia. 

"La demolizione del Fokker 27 apre uno scenario parallelo alla nostra missione principale -ha dichiarato Alessandro Cianciaruso, amministratore delegato di Seas- e predispone la nostra società a rendersi disponibile all’esecuzione di analoghe operazioni laddove necessario". "Questa operazione ci ha visti impegnati -ha spiegato Cianciaruso- mentre contestualmente all'interno dei tre hangar presenti nella nostra base di Bergamo venivano condotte le normali attività di manutenzione sugli aeromobili della flotta Ryanair, che ciclicamente si posizionano sull'aeroporto. Nel periodo di lockdown tutte le infrastrutture di cui disponiamo sul territorio nazionale e le risorse umane presenti sono infatti massimamente coinvolte nel programma di manutenzione per consentire alla flotta di B-737/800 della low-cost irlandese di essere pronta appena i voli passeggeri ripartiranno". 

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

gen - 1229169

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili