Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Domani 40esimo anniversario disastro aereo di Ustica

81 le persone che erano a bordo del Douglas DC-9 Itavia

La strage di Ustica fu un incidente aereo, avvenuto alle 20:59 del 27 giugno 1980 sopra il braccio di mare compreso tra le isole italiane di Ponza ed Ustica.

Vi fu coinvolto il volo di linea IH870, partito da Bologna-Borgo Panigale e diretto a Palermo-Punta Raisi, operato dall'aeromobile Douglas DC-9 della compagnia Itavia, il quale perse il contatto radio con l'aeroporto di Roma-Ciampino, responsabile del controllo del traffico aereo in quel settore, si destrutturò e cadde nel mar Tirreno. 

Nella notte numerosi elicotteri, aerei e navi partecipano alle ricerche nella zona.

Nell'incidente morirono tutti gli 81 occupanti dell'aeromobile, tra passeggeri ed equipaggio. Fino al disastro di Linate, quello di Ustica fu uno degli incidenti aerei più gravi avvenuti sul suolo italiano dal secondo dopoguerra.

La compagnia Itavia di Aldo Davanzali, già pesantemente indebitata prima dell'incidente, cessò le operazioni il 10 dicembre successivo; il 12 dicembre 1980 le fu revocata la licenza di operatore aereo con messa a rischio dei livelli occupazionali e, nel giro di un anno, si aprì la procedura di amministrazione controllata, cui fece seguito il conferimento di flotta aerea e personale ad Aermediterranea, società partecipata dall'allora compagnia di bandiera Alitalia e dalla sua consociata Ati. 

Le vittime del disastro furono ottantuno, di cui tredici bambini, ma furono ritrovate e recuperate solo trentotto salme. 

Andres Cinzia (24),

Andres Luigi (32),

Baiamonte Francesco (55),

Bonati Paola (16),

Bonfietti Alberto (37),

Bosco Alberto (41),

Calderone Maria Vincenza (58),

Cammarata Giuseppe (19),

Campanini Arnaldo (45),

Casdia Antonio (32),

Cappellini Antonella (57),

Cerami Giovanni (34),

Croce Maria Grazia (40),

D'Alfonso Francesca (7),

D'Alfonso Salvatore (39),

D'Alfonso Sebastiano (4),

Davì Michele (45),

De Cicco Giuseppe Calogero (28),

De Dominicis Rosa (allieva assistente di volo Itavia) (21),

De Lisi Elvira (37),

Di Natale Francesco (2),

Diodato Antonella (7),

Diodato Giuseppe (1),

Diodato Vincenzo (10),

Filippi Giacomo (47),

Fontana Enzo (copilota Itavia) (32),

Fontana Vito (25),

Fullone Carmela (17),

Fullone Rosario (49),

Gallo Vito (25),

Gatti Domenico (comandante pilota Itavia) (44),

Gherardi Guelfo (59),

Greco Antonino (23),

Gruber Berta (55),

Guarano Andrea (37),

Guardì Vincenzo (26),

Guerino Giacomo (19),

Guerra Graziella (27),

Guzzo Rita (30),

Lachina Giuseppe (58),

La Rocca Gaetano (39),

Licata Paolo (71),

Liotta Maria Rosaria (24),

Lupo Francesca (17),

Lupo Giovanna (32),

Manitta Giuseppe (54),

Marchese Claudio (23),

Marfisi Daniela (10),

Marfisi Tiziana (5),

Mazzel Rita Giovanna (37),

Mazzel Erta Dora Erica (48),

Mignani Maria Assunta (30),

Molteni Annino (59),

Morici Paolo (assistente di volo Itavia) (39),

Norrito Guglielmo (37),

Ongari Lorenzo (23),

Papi Paola (39),

Parisi Alessandra (5),

Parrinello Carlo (43),

Parrinello Francesca (49),

Pelliccioni Anna Paola (44),

Pinocchio Antonella (23),

Pinocchio Giovanni (13),

Prestileo Gaetano (36),

Reina Andrea (34),

Reina Giulia (51),

Ronchini Costanzo (34),

Siracusa Marianna (61),

Speciale Maria Elena (55),

Superchi Giuliana (11),

Torres Pierantonio (32),

Tripiciano Giulia Maria Concetta (45)

Ugolini Pierpaolo (33),

Valentini Daniela (29),

Valenza Giuseppe (33),

Venturi Massimo (31),

Volanti Marco (26),

Volpe Maria (48),

Zanetti Alessandro (18),

Zanetti Emanuele (39),

Zanetti Nicola (6).

Il 27 giugno 2007 fu aperto a Bologna il Museo per la memoria di Ustica, sito in via di Saliceto 3/22, presso gli ex-magazzini dell'Atc, ove è tuttora conservato l'aereo così come fu ricostruito durante le indagini.

In alcune casse di legno rivestite di plastica nera, sono conservati tutti gli oggetti ritrovati nei pressi dell'aereo, poiché, come non sono questi importanti per il ricordo che il museo vuole lasciare ai visitatori. Ai visitatori viene consegnato un piccolo libro con le foto degli oggetti ed un dépliant che riassume i fatti sulla strage.

Tra le commemorazioni di domani il presidente della Camera Roberto Fico parteciperà a Bologna alle iniziative organizzate in occasione del 40esimo anniversario della strage di Ustica. Alle 10 sarà a Palazzo D'Accursio per la cerimonia che si svolgerà nella Sala del Consiglio. Alle 11:30 il presidente visiterà il Museo per la memoria di Ustica. A seguire interverrà all'incontro promosso dall'Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica e dalla Federazione nazionale della stampa italiana dal titolo "Cosa avremmo saputo di Ustica senza l'informazione?".

Infine vogliamo segnalare che all'inizio del mese è uscito un nuovo libro edito dalla Casa editrice LoGgisma dal titolo "Ustica 40 anni. Dopo riflessioni su un caso aperto" scritto da Claudio E.A. Pizzi (pagine 164, prezzo Euro 15).

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

red - 1230391

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili