Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aerei. Botta e risposta Irlanda-Ryanair su misure restrittive

Il vettore low-cost ha citato lo Stato sui provvedimenti anti-covid

Botta e risposta: il vettore aereo low-cost Ryanair ha chiesto delucidazioni in tribunale sulle misure introdotte dal governo di Dublino in merito al contenimento del Covid-19 e la replica non si è fatta attendere. La compagnia irlandese non ha usato mezzi termini nei giorni scorsi per descrivere quelle che sono state interpretate come “restrizioni prive di senso, oltraggiose e confuse”; nelle ultime ore, lo Stato ha risposto e cercato di placare gli animi. L’Irlanda è stata chiara in tal senso, ribadendo come le stesse misure siano semplicemente consultive e non vincolanti. Il dibattito giuridico ha avuto luogo di fronte all’Alta Corte del Paese britannico. 

L’azione di Ryanair è stata promossa contro la stessa Nazione, il procuratore generale e il premier irlandese Michael Martin. Tra le altre prese di posizione dell’aviolinea c’era stata quella secondo cui le restrizioni devono essere considerate una “interferenza sproporzionata nei diritti della compagnia e dei passeggeri”. Le richieste erano state precise, in particolare un ordine del giorno da parte di Dublino per annullare ogni misura sui viaggi internazionali annunciata a partire dalla fine dello scorso mese di luglio. L’Irlanda ha aggiunto invece che il vettore aereo non ha alcun potere giuridico per impugnare le presunte restrizioni; l’impressione è che anche nelle prossime settimane lo “scontro” verbale sarà molto acceso, visto che Ryanair è sostenuta nella sua azione da Aer Lingus (leggi AVIONEWS).

Sr - 1231926

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili