Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Draghi darà un futuro ad Alitalia-Ita?

Alitalia sarà il primo grande banco di prova per le politiche industriali dell'Italia

Il profilo altissimo di un personaggio della levatura di Mario Draghi suscita qualche timore nei dipendenti di Alitalia. L'impostazione culturale del presidente incaricato lo porterebbe a non insistere nel finanziare una compagnia che "avrebbe bisogno di un esorcista" (come disse ex-commissario Alitalia Maurizio Prato nel 2008) e che da oltre 20 anni richiede continui interventi da parte dello Stato. È vero però che i partiti, che dopo averla privatizzata, ora hanno nuovamente nazionalizzato la compagnia sono da sempre attenti al consenso dei lavoratori più che ai conti dello Stato. Certo ora che il piano presentato da Ita (Italia trasporto aereo) nei mesi scorsi prevede 5000 dipendenti e 60 aerei (a fronte di numeri più che doppi di una decina di anni fa) rende Ita sempre meno sostenibile, anche perché nel frattempo le quote di mercato della compagnia si sono sempre più ridotte. Di fronte ai problemi di cassa di Alitalia (che da tempo non paga i servizi aeroportuali degli aeroporti e dove è rischio lo stipendio di febbraio se l'Ue non autorizza) ed ai continui problemi che vengono dall'Unione europea si imporrà anche per il nuovo Governo una scelta difficile che non può escluderne anche una drastica. In qualunque modo vada Alitalia sarà un difficile ed importante banco di prova per Mario Draghi e per capire quali saranno le sue politiche nei confronti delle tante aziende in difficoltà. Il ministro Patuanelli in un incontro ha dichiarato che le alternative per il futuro della compagnia sono tre: la prima il conferimento diretto delle attività da Alitalia ad Ita, la seconda prevede l'annullamento del precedente bando di vendita degli asset ed l'indizione di una nuova gara, la terza ipotesi sarebbe quella di conferire allo Stato la gestione di Ita come suggerito dall'onorevole Stefano Fassina. La quarta ipotesi è quella che nessuno vorrebbe vedere e che Mario Draghi dovrà scongiurare.

pdp - 1234756

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili