Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Esa, i nuovi propositi del direttore Josef Aschbacher

L'agenzia dovrà diventare più snella e moderna

A pochi mesi dalla nomina, Josef Aschbacher ha già le idee molto chiare. Lo scorso mese di novembre è diventato nuovo direttore generale di Esa (European Space Agency) e nelle ultime ore ha fatto parlare di sé per alcune dichiarazioni interessanti (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). Aschbacher è infatti intenzionato ad ottenere una maggiore produttività economica dalle attività spaziali, tanto è vero che sarebbe imminente una trasformazione dell’agenzia stessa. L’obiettivo è quello di concentrare l’attenzione sulla commercializzazione di Esa, un aspetto che finora non è stato preso in grande considerazione. Il direttore generale ha sottolineato, inoltre, di voler rafforzare alcuni aspetti peculiari dell’aerospazio, tenendo d’occhio comunque gli elementi istituzionali. Ecco perché si rafforzeranno le collaborazioni con gli Stati membri. Aschbacher mira ad un’agenzia più moderna, veloce, snella e soprattutto efficiente, in modo da poter affrontare nel migliore dei modi le sfide del prossimo decennio. A breve verrà presentata la cosiddetta “Agenda 2025”, un documento pieno di iniziative illustrate nel dettaglio. Infine, non sono mancati i riferimenti ad alcuni Paesi che il direttore ritiene virtuosi per quel che riguarda l’esplorazione spaziale: si sta parlando di Russia, Stati Uniti e Cina, quest’ultima alle prese con risultati di tutto rispetto sulla luna e su Marte. Aschbacher è entrato in Esa nel 1990, per poi trasferirsi al centro della Commissione europea di Ispra, con il ruolo di assistente scientifico al direttore dell’Istituto di applicazioni spaziali, rientrando poi in Agenzia nel 2001, al quartier generale di Parigi. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS.

Sr - 1235964

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili