Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Boeing rinegozia contratto per fornitura aereo Air Force One

Ci sarà probabilmente un ritardo di un anno

Boeing si è rivolta direttamente al governo americano per una nuova negoziazione del contratto relativo ai due aerei presidenziali, l’Air Force One e l’Air Force Two (leggi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS). L’industria di Chicago ha chiesto a Washington di fissare il nuovo prezzo per entrambi i velivoli, inoltre è stato aggiunto un avvertimento che non lascia presagire nulla di buono. Con tutta probabilità, infatti, le consegne risulteranno in ritardo di almeno dodici mesi. L’impegno sarà comunque quello di portare a termine quanto “promesso” nel 2018. Tre anni fa, infatti, Boeing si aggiudicò la gara per la fornitura entro dicembre 2024 di due B-747/8, velivoli da impiegare per il trasporto dell’inquilino della Casa Bianca nei cieli di tutto il mondo. Il contratto ha un valore di poco inferiore ai 4 miliardi di dollari. Il problema principale è rappresentato dal fallimento di uno dei subappaltatori, con la pandemia da coronavirus che ha determinato tutto il resto, rallentando di parecchio la produzione. La conferma del ritardo di un anno è arrivata dal numero due del ministero della difesa a stelle e strisce, Darlene Costello, la quale ha l’incarico di gestire acquisizioni, tecnologie e logistica delle forze armate (esercito in primis per intenderci). Washington sta valutando se sia opportuno modificare il programma di cui si sta parlando, tenendo conto del fatto che Boeing ha provveduto a presentare una lettera di intenti per i due aeromobili. 

Sullo stesso argomento leggi anche l’articolo pubblicato da AVIONEWS

Sr - 1237251

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili