Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Esa nomina tre nuovi direttori

Tra loro l'italiana Simonetta Cheli a capo dell'Esrin

L'agenzia spaziale europea (Esa) ha nominato tre nuovi direttori: l'italiana Simonetta Cheli ai programmi di osservazione della Terra, la francese Géraldine Naja alla commercializzazione, e lo spagnolo Francisco-Javier Benedicto Ruiz all'industria ed agli appalti. I tre sono stati nominati dal consiglio dell'ente europeo nella riunione del 21 ottobre. Il loro ruolo consiste nel sostenere il direttore generale, l'austriaco Josef Aschbacher, come responsabili delle attività loro assegnate e nel raggiungimento degli obiettivi generali nelle rispettive direzioni.

Il manager italiano, senese, 57 anni, è stato nominato direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’agenzia spaziale europea. Dal primo gennaio guiderà l'European Space Research Institute (Esrin) con sede a Frascati (Roma), che si occupa del telerilevamento di dati dal nostro pianeta. Cheli è entrata a far parte di Esa nel 1988 occupandosi di relazioni internazionali, poi ha fatto parte del servizio strategia dal 1997. Nel 1999 si è trasferita presso l'Esrin dove ha lavorato come responsabile della comunicazione e delle relazioni istituzionali per Italia, Spagna e Portogallo. Dal 2008 è entrata a far parte della direzione dei programmi di osservazione della Terra come responsabile dell'ufficio di coordinamento fino al 2016.

"Sono felice", ha dichiarato in un'intervista al "Corriere della Sera", per questa "sfida che mi aveva appassionato già 15 anni fa quando chiesi di far parte di questo campo di attività dell’Agenzia spaziale Esa". Riguardo il suo lavoro ha spiegato: "L’indagine dall’orbita permette di comprendere ciò che succede, ma poi è altrettanto determinante tessere una vera collaborazione tra le istituzioni dei vari Paesi e fornire le conoscenze adeguate ai politici che devono compiere le loro scelte". Infine un consiglio ai giovani: "Prima di tutto lo studio: la vita è un continuo processo di apprendimento. Altrettanto importante è fare ciò che piace, soprattutto con passione".

Gic - 1239818

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili