Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

AVIONEWS intervista ad aeroporto di Catania

Nico Torrisi (Sac): "Migliorando l'intermobilità tra 10 anni 20 milioni di passeggeri" -VIDEO

Nonostante la pandemia l'aeroporto "Vincenzo Bellini" di Catania-Fontanarossa è riuscito ad ottenere un risultato vincente riguardo il numero di passeggeri. A trainare la ripresa in estate è stato soprattutto il turismo: più quello italiano, che internazionale, anche se è persa una quota della clientela altospendente.

"Gli aeroporti siciliani sono stati attrattivi perché la tutta la regione lo è stata. Il brand Sicilia è fortissimo a prescindere dal marchio Italia. È autonomo ed è assolutamente in salute nonostante tutto. Per restare al nostro sistema aeroportuale abbiamo lavorato su Catania e su Comiso, che pure è cresciuta, e siamo andati sicuramente bene. Le compagnie, è bene dirlo, hanno fatto un investimento anti-ciclico nel momento stesso in cui il mercato era assolutamente in crisi. Ed anche altri nostri clienti, cioè i sub-concessionari, hanno fatto investimenti importanti. Siamo andati oltre qualsiasi più rosea previsione", ha dichiarato ai microfoni di AVIONEWS, l'amministratore delegato della Società aeroporto Catania (Sac), Nico Torrisi, che ricopre anche la carica di presidente dell'Unione regionale degli albergatori siciliani.

Sui futuri progetti e sviluppi dello scalo ha affermato: "Noi siamo isolani e molto isolati. Abbiamo gli aerei come unico mezzo efficace e sicuro per raggiungere la Sicilia velocemente. Abbiamo purtroppo ancora i treni che ricordano la febbre dell'oro di due secoli or sono. Quindi sarebbe il caso che ci si muova pure su questo. Raggiungere l'aeroporto di Comiso da quello di Catania per noi è imprescindibile in termini di miglioramento anche dell'infrastruttura viaria: la Catania-Ragusa, che rimaneva un miraggio, mi auguro che si possa andare a fare; così come si devono andare a fare tutti quanti gli altri collegamenti intermodali per raggiungere i due aeroporti".

L'amministratore delegato conclude con una prospettiva ottimista ma che precisa essere realistica: "Lo dico senza timore di essere smentito: in 10 anni, migliorando le infrastrutture pubbliche e da parte nostra il livello della qualità e della qualità dei nostri servizi di aeroporti, potrebbe raddoppiare il numero di passeggeri rispetto al 2019. Tra Catania e Comiso si potrà arrivare a 20 milioni di passeggeri".

Sotto, la video-intervista:


Gic - 1239901

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili