Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Variante Omicron: più controlli negli scali italiani

Screening ai passeggeri atterrati nelle scorse settimana da Sudafrica ed altri Stati

Dopo l'individuazione del primo caso confermato di variante Omicron in Italia -un uomo italiano atterrato nello scalo di Roma-Fiumicino e proveniente dal Mozambico- il ministero della Salute ha inasprito ulteriormente i controlli negli aeroporti del "Belpaese". Per questo motivo la Regione Lazio ha chiesto "immediati provvedimenti di controllo alle frontiere". Così tutti i viaggiatori residenti in Regione, provenienti da zone interdette ed atterrati al "Leonardo da Vinci" nelle ultime settimane, saranno sottoposti a screening. 

Già prima del contagio lo stato di allerta era alto. Il Governo aveva inviato una circolare alle Regioni per invitarle a "rafforzare e monitorare le attività di tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori provenienti da Paesi con diffusione della variante Omicron e loro contatti, o in caso di focolai caratterizzati da rapido ed anomalo incremento di casi", applicando le regole sulla quarantena e sull’isolamento. Il ministero della Sanità ha sospeso i collegamenti aerei con Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini.

Inoltre, gli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) hanno inviato una raccomandazione ai vettori aerei, agli enti aeroportuali e di volo affinché vigilino sulla correttezza delle dichiarazioni fatte dai passeggeri nel modulo di tracciamento Digital Passenger Locator Form. 

Sullo stesso argomento vedi la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1240640

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili