Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Vettori aerei americani si preparano al boom di Natale

Superato il test del Ringraziamento. Il nodo cruciale restano gli aeroporti

I vettori aerei statunitensi sono impegnati da un paio di settimane nella difficile sfida della gestione della domanda di viaggi aerei per le vacanze, che ha interessato circa 20 milioni di passeggeri nel solo Giorno del ringraziamento celebrato lo scorso 25 novembre. È stato il primo test ufficiale sulla tenuta delle aviolinee nel post-pandemia. 

Il traffico negli aeroporti ha creato ingorghi, ma tutto sommato è andata meglio del previsto: per sette giorni di fila il volume medio di passeggeri giornalieri negli scali americani ha superato i 2 milioni di persone. Un dato che non si vedeva dal 2019. Il giorno più frenetico è stata la vigilia, il 24 novembre, con oltre 2,3 milioni di viaggiatori. Nonostante la buona organizzazione nel settore, questo ha generato un forte stress lavorativo per il personale negli aeroporti e per l'equipaggio di bordo, dopo mesi di tagli di posti di lavoro e di prepensionamenti. 

Per questo motivo i vettori aerei sono già corsi al riparo ed hanno lanciato grandi piani di assunzione. Come Southwest Airlines che ha fatto sapere di avere già assunto oltre 4500 nuovi lavoratori, ovvero l'85% del suo obiettivo per l'anno 2021. Come JetBlue Airways ed American Airlines hanno anche offerto incentivi per i dipendenti che lavorano durante le vacanze. Il nodo più delicato resta la questione aeroporti, dove la scorsa settimana si sono registrate lunghe file per i controlli. Mancano pochi giorni a Natale ed i disagi potrebbero ripresentarsi.

Sullo stesso argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS.

Gic - 1240650

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili