Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Vettori aerei temono limitazioni al passaporto sanitario Ue

Iata esprime preoccupazione per possibile riduzione da 12 a 9 mesi

La Commissione europea vuole limitare da 12 mesi a 9 mesi la validità del passaporto sanitario europeo per i viaggi aerei all'interno dell'Ue. International Air Transport Association -organizzazione internazionale trasporto aereo- ha espresso la sua preoccupazione per questa eventualità. E per non incidere troppo sul traffico-passeggeri, che sarà in ogni caso colpito dalla variante Omicron, ha chiesto il mantenimento di una validità almeno annuale. 

"La proposta di gestire i limiti della validità del Dcc (Eu Digital Covid Certificate, NdR) crea molti potenziali problemi. Le persone che hanno ricevuto il vaccino prima di marzo, inclusi molti operatori sanitari, avranno bisogno di accedere ad una dose di richiamo entro l'11 gennaio, altrimenti potrebbero non essere in grado di viaggiare". A livello globale "il programma di immunizzazione ha ancora molta strada da fare per andare in tanti Paesi in via di sviluppo e l'attenzione dovrebbe essere sull'equità nell'immunizzazione", ha dichiarato il vicepresidente di Iata per l'Europa, Rafael Schvartzman

La limitazione del passaporto sanitario europeo preoccupa i vertici di molte compagnie aeree. Secondo Iata, che ha sempre appoggiato la misura presa da Bruxelles, una tale risposta alla diffusione della quinta ondata in Europa, potrebbe indebolire ulteriormente il settore del trasporto aereo, già duramente colpito. Insomma, la richiesta è quella di trovare un nuovo equilibrio tra la necessaria sicurezza sanitaria e danni economici evitabili.

Gic - 1240691

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili