Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Missioni spaziali nel mirino del cybercrimine

Allarme di Panda Security: 2022 anno del primo attacco hacker a satelliti e aerospazio

Il cybercrime non si ferma davanti a niente. Non c'è pandemia che tenga. E nemmeno distanze. Quando di tratta di fare nuove prede i cybercriminali non badano a niente: nel loro mirino quest’anno potrebbero addirittura esserci satelliti e missioni spaziali. L'allarme rosso è già scattato: lo ha lanciato Panda Security, azienda attiva nel mondo della sicurezza informatica fondata nel 1990 a Bilbao, in Spagna. Il 2022, mette in guardia la società oggi controllata dall'americana WatchGuard Technologies, potrebbe essere l’anno del primo attacco hacker ai satelliti e alle missioni spaziali. 

A fare da esca per gli ingordi protagonisti del cybercrime è l’enorme crescita del settore aerospaziale, soprattutto da parte dei nuovi attori privati. Secondo Panda Security gli interessi e i capitali in gioco sono giganteschi: lo è altrettanto, dicono, il numero di missioni e satelliti in programma tanto quelli gestiti da enti governativi quanto quelli organizzati da società private già partite alla conquista commerciale dello spazio. 

Ma non è solo lo spazio a dovere temere i cyberattacchi. Perché secondo l’azienda basca, nel 2022 ci saranno ben sei tendenze fondamentali nella cybersicurezza: oltre a quella che riguarda i progetti spaziali, lo spionaggio andrà nella direzione dei governi verso i privati. Emblematico, in questo senso, è il caso dello spyware Pegasus, sviluppato dalla società israeliana di armi informatiche Nso Group: può essere installato di nascosto sui telefoni cellulari che eseguono la maggior parte delle versioni di iOS e Android. 

Partendo da questo esempio si può facilmente immaginare come i governi siano in grado di servirsi sempre di più dei cosiddetti "hacker etici" per penetrare gli smartphone delle persone carpendone i segreti e superando i sistemi di crittografia end-to-end. L'elenco degli allarmi, si gonfia di ora in ora. Un’altra tendenza dei cybercriminali, per esempio, riguarda lo smishing o il phishing attraverso sms: nel mirino la criminalità ha messo sistemi di messaggistica come WhatsApp e Telegram, sempre più utilizzati soprattutto in ambito lavorativo. 

Il 2022 secondo Panda Security vedrà anche lo sviluppo della sicurezza della password e del consolidamento dell’autentificazione a due fattori, biometrica e con codici monouso, già ampiamente utilizzati nell’internet banking e nei sistemi di pagamento in rete. Non è tutto. A rendere ancora più ghiotta la torta contribuisce non poco l’apertura delle reti Internet satellitari per il grande pubblico: qualcosa di impensabile, che mette in contatto diretto lo spazio con una platea di persone che, per scopi ludici o criminali, si metterà alla caccia di falle e di backdoor di sistema.

Altri aspetti critici della sicurezza informatica messi sotto la lente da Panda Security, sono quelli che riguardano la diffusione dei device collegati alle reti telefoniche e a Internet, qualcosa di inestimabile visto che riguarda ormai tutti.

Quello che per alcuni è un danno per altri sarà un guadagno. Per le assicurazioni, per esempio. Perché l’aumento degli attacchi ransomware, sia chiaro, finirà per far crescere il prezzo delle polizze assicurative di cybersicurezza. D'altra parte le compagnie assicurative in questo campo sono in perdita da almeno tre anni e sfrutteranno di certo l'occasione. 

fc - 1241714

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili