Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fincantieri: consegnata seconda corvetta per il Qatar

Ponte di volo ed hangar attrezzati per accogliere elicottero NH-90

Si è svolta presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) la consegna di “Damsah”, seconda unità della classe “Al Zubarah” di quattro corvette, commissionata a Fincantieri dal ministero della difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale.

Alla cerimonia, svoltasi in formato ristretto e nel pieno rispetto delle prescrizioni anti contagio, hanno partecipato il Brigadier General Abdulla Al Mazroey, Deputy Chief della marina del Qatar e Commander of the Flottilla, il Major General Staff Hilal Al Muhannadi, Defense Attaché del Qatar a Roma, l’ammiraglio di Divisione Pierpaolo Ribuffo, comandante marittimo Nord della Marina militare italiana, e Marco Acca, vice-direttore generale della Divisione navi militari di Fincantieri.

Le unità, progettate in accordo al regolamento Rinamil, saranno altamente flessibili con capacità di assolvere a molteplici compiti, che vanno dal pattugliamento con capacità di soccorso in mare al ruolo di nave combattente. Lunghe circa 107 metri, larghe 14,70 metri, saranno dotate di un sistema di propulsione combinato diesel e diesel (Codad), potranno raggiungere una velocità massima di 28 nodi ospitando a bordo 112 persone.

Le corvette potranno inoltre impiegare mezzi veloci tipo Rhib (Rigid Hull Inflatable Boat), imbarcandoli tramite una gru laterale ed una rampa situata all’estrema poppa. Il ponte di volo e l’hangar saranno attrezzati per accogliere un elicottero NH-90.

red/f - 1244028

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili

CompagnieRinascere Alitalia: sfida di Adolfo Urso

Oggi siamo in un mondo diverso e con Giorgetti seguiamo questo dossier significativo

20 anni fa, il progetto di Klm per creare la più grande compagnia aerea italiana è fallito, causando non solo una perdita di competitività per Alitalia, ma anche un impatto sull'intero settore dell'industria aerospaziale italiana. Adesso, il Governo, guidato dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, sta lavorando per recuperare la competitività e lo sviluppo dell'industria aerospaziale italiana. L'obiettivo è far rinascere Alitalia come una compagnia aerea competitiva a livello mondiale, con servizi di qualità, ma raggiungere questo obiettivo richiede una profonda ristrutturazione. Il ministro Urso vuole lavorare con rappresentanti sia del settore privato che pubblico per raggiungere questo obiettivo. continua