Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fincantieri: "Norwegian Viva" varata a Marghera

Seconda di sei navi da crociera di nuova generazione

“Norwegian Viva”, seconda di sei navi da crociera di nuova generazione della nuova classe Prima per Norwegian Cruise Line (Ncl), è stata varata oggi presso lo stabilimento di Marghera (Venezia), dopo la consegna di “Norwegian Prima”, la prima della nuova classe, avvenuta il 29 luglio.

Con circa 142.500 tonnellate di stazza lorda, quasi 300 metri di lunghezza ed una capacità di ospitare 3215 passeggeri, “Norwegian Viva” e le unità gemelle costituiranno la spina dorsale della flotta del futuro di Ncl. Le consegne sono previste fino al 2027.

La classe Prima si basa su un progetto prototipale sviluppato da Fincantieri che valorizza le caratteristiche consolidate di libertà e flessibilità di Ncl con una configurazione di prodotto innovativa, in grado di arricchire ulteriormente l’esperienza offerta ai passeggeri. Inoltre, particolare attenzione è stata posta all’efficienza energetica, con il duplice obiettivo di contenere i consumi in esercizio e minimizzare l’impatto ambientale, in linea con le più recenti normative in materia.

Ncl è parte di Norwegian Cruise Line Holdings, gruppo crocieristico statunitense fra i primi al mondo. Oltre a Ncl, fanno parte di Norwegian Cruise Line Holdings Ltd. i brand Regent Seven Seas Cruises, per il quale Fincantieri consegnerà il prossimo anno ad Ancona una terza nave da crociera di lusso, “Seven Seas Grandeur”, dopo “Seven Seas Explorer” (2016) e “Seven Seas Splendor” (2020), ed Oceania Cruises, per cui il gruppo ha in portafoglio due unità di nuova generazione che daranno avvio alla “classe Allura”.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da AVIONEWS

red/f - 1246193

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili

CompagnieRinascere Alitalia: sfida di Adolfo Urso

Oggi siamo in un mondo diverso e con Giorgetti seguiamo questo dossier significativo

20 anni fa, il progetto di Klm per creare la più grande compagnia aerea italiana è fallito, causando non solo una perdita di competitività per Alitalia, ma anche un impatto sull'intero settore dell'industria aerospaziale italiana. Adesso, il Governo, guidato dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, sta lavorando per recuperare la competitività e lo sviluppo dell'industria aerospaziale italiana. L'obiettivo è far rinascere Alitalia come una compagnia aerea competitiva a livello mondiale, con servizi di qualità, ma raggiungere questo obiettivo richiede una profonda ristrutturazione. Il ministro Urso vuole lavorare con rappresentanti sia del settore privato che pubblico per raggiungere questo obiettivo. continua