It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Acque agitate per l'elisoccorso e l'antincendio in Italia

Armonia sgr vuole ampliare la sua presenza nell'antincendio e nell'elisoccorso

Per il settore dell'elisoccorso e dell'antincendio questo è un periodo molto delicato. Nell'anno in corso verranno a scadenza molti contratti delle Regioni per l'antincendio e soprattutto per l'elisoccorso, e bisognerà decidere se e come bandire nuove gare regionali.

Il recente stop alla gara della Regione Calabria, per ragioni giudiziarie ha certamente creato una situazione poco serena in Babcock Italia, tanto che in ambienti del settore anche la sua partecipazione a queste gare viene vista come difficile.   

Sul futuro del settore pesano anche le forti spinte dei sindacati dei Vigili del Fuoco, i quali chiedono che alla scadenza dei contratti si decida di utilizzare gli elicotteri del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, anziché bandire gare per appaltare i servizi a privati. Dopo la recente legge Madia che ha accorpato nei Vvff gran parte delle strutture della Guardia forestale, diversi elicotteri della Forestale sono stati trasferiti ed ora gestiti dai Vvff, ed anche questo supporta le richieste dei Vigili del Fuoco. Operatori del settore contattati da AVIONEWS si dicono perplessi sulla gestione dell'elisoccorso da parte dei Vvff per la loro scarsa esperienza nel settore, per i costi eccessivi, e per il fatto che le normative europee non si potrebbero applicare al corpo dei Vvff. 

Va registrata anche una recente dichiarazione di Alessandro Grimaldi, ad di Armonia sgr, operatore di private equity, che manifesta un forte interesse per l'acquisizione del ramo italiano di Babcock International (ex-Inaer Aviation).  Nella sua dichiarazione all'agenzia "Reuters" Grimaldi annuncia anche che i piani di sviluppo della controllata Gruppo Servizi Associati, di recente acquisita (ed attiva nei servizi antincendio) prevedono la crescita in Italia, Spagna, Francia e Svizzera. L'acquisizione di Babcock Italia rientrerebbe in questa strategia. Nel 2014 Avincis (poi diventata Inaer Aviation) era stata pagata 1,1 miliardi di sterline da Babcock International, principale operatore mondiale per servizi d'emergenza ed antincendio. Se si riducono i contratti di Babcock Italia, ed in base alle novità che ci saranno nei rapporti economici del Regno Unito con l'Ue -dal marzo 2019 con la "Brexit"-, anche il valore di Babcock Italia ne può risentire, e forse anche questo è stato calcolato da Armonia. 

Nat/bru - 1210178

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl