It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Air France-Klm. Incontro tra Smith ed esponenti del governo olandese

Riaffermata la volontà di proteggere gli interessi di Klm e il ruolo di Elbers

Nel tentativo di risolvere la nuova "crisi" in Air France-Klm questa mattina l'amministratore delegato del Gruppo Benjamin Smith ha incontrato a L'Aia i ministri delle finanze e dei trasporti dei Paesi Bassi. L'obiettivo dell'incontro era trovare una linea comune sul futuro del vettore aereo Klm, specialmente per quel che riguarda la dirigenza apicale dal momento che l'idea sarebbe quella di sostituire il presidente e amministratore delegato Pieter Elbers con un uomo "fedele" a Smith, nel tentativo di aumentare le capacità di controllo da parte del cda del Gruppo. Smith è uscito dall'incontro senza rilasciare alcuna dichiarazione, mentre il ministro delle finanze olandese Wopke Hoekstra ha dichiarato che sono stati "colloqui intensi e incentrati sulla nostra volontà governativa di proteggere gli interessi di Klm e dell'aeroporto di Amsterdam-Schiphol".

Dalle parole dell'esponente del governo sembrerebbe che un accordo non sia stato trovato, nonostante la ricezione ieri di una lettera firmata da 25.000 (su 35.000) dipendenti di Klm che chiedevano a Smith di rinnovare il mandato a Pieter Elbers preannunciando, in caso contrario, una mobilitazione generale di tutti i lavoratori. Per accordarsi, però, c'è ancora tempo fino al 20 febbraio quando saranno presentati i risultati finanziari del 2018 e contestualmente il cda prenderà una decisione relativa al futuro dell'attuale ad e presidente di Klm; proprio per questo martedì ci sarà un vertice tra i rappresentati di Air France-Klm per poter evitare una rottura, che potrebbe diventare anche definitiva anche perché dal canto suo il vettore olandese può mettere sul piatto un fatturato e un margine operativo decisamente superiore rispetto al partner francese.

M/A - 1218864

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl