It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Francia, compagnie infuriate per l'ecotassa

Decisione senza senso economico ed ambientale, dicono gli operatori

Le compagnie aeree francesi sono in rivolta contro la decisione del governo transalpino di introdurre un'ecotassa sui biglietti per i voli in partenza dalla Francia (vedi AVIONEWS). La tassa, che sarà in vigore dal 2020, servirà a reperire risorse per realizzare infrastrutture più moderne e rispettose dell'ambiente, ha spiegato il ministro dei trasporti Elizabeth Borne. Una misura, invece, incomprensibile e che penalizza la competitività delle aziende, rispondono gli amministratori dei vettori aerei.

"Questo è un colpo basso portato alle compagnie aeree francesi di cui bisognerà assumerne le conseguenze", ha detto Alain Battisti, il presidente di Fnam, l'associazione che raggruppa gli operatori del settore e la maggior parte delle aviolinee francesi (Air France, Aigle Azur, Corsair International, XL Airways). 

"Non c'è stata concertazione", ha dichiarato ai microfoni della radio "France Info" Pascal de Izaguirre, ceo di Corsair. "Il nostro settore è asfissiato dalle tasse e questa misura colpirà particolarmente le compagnie francesi che già pagano il 30% di tasse in più rispetto alla media europea. Il livello era già eccessivo. Ancora una volta si colpisce la competitività delle aziende. Nel nostro Paese quando non si hanno idee si crea una tassa".


DDB - 1222924

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Related
Similar