It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Aereo NordWind abortisce il decollo con circa 180 a bordo

All'aeroporto di Mosca-Sheremetyevo: evacuati passeggeri ed equipaggio; feriti

E' successo alle 00:45 di stamattina 19 luglio, quando il comandante di un aereo B-737 della compagnia NordWind Airline diretto a Yerevan ha dovuto interrompere la corsa di decollo sulla pista dell'aeroporto di Mosca-Sheremetyevo, quando la cabina è stata invasa da un acre odore di bruciato. Attivate come da prassi le misure di emergenza, dal velivolo sono stati fatti evacuare attraverso gli scivoli i 173 passeggeri e sei membri d'equipaggio. E' nella concitazione di questa fase che otto persone sono rimaste ferite lievemente, per due delle quali seppure non gravi (una caviglia slogata ed una emergenza ipertensiva), si è reso necessario il controllo in ospedale. 

I passeggeri incolumi sono poi stati riprotetti su un altro volo. L'agenzia federale per il trasporto aereo nazionale, Rosaviatsia, ha disposto una commissione d'inchiesta che sarebbe già giunta alla conclusione che a bordo non si è sviluppato alcun incendio, ma che la decisione del pilota di abortire il decollo era comunque giustificata. L'odore di bruciato sarebbe stato sprigionato da un  liquido che di solito viene usato per il lavaggio dei motori, che una volta surriscaldato avrebbe provocato il penetrante odore entrato poi nel sistema di areazione. La compagnia ha precisato che dei 173 passeggeri, 11 erano bambini. E che del totale 28 persone, compresi i due ricoverati, hanno deciso di rinunciare al viaggio.

CTim - 1223183

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl